Chiesa di Sant'Agata

E' una costruzione del XVIII sec. innalzata sul paramento murario di un edificio civile medievale del quale restano gli archi acuti tamponati nella facciata a capanna. Il portale architravato e con timpano introduce ad un ambiente ad una sola navata. Nella parete destra, un singolare "Crocifisso" cinquecentesco. Il capolavoro della chiesa la grande robbiana con la "Madonna col Bambino e i Santi Francesco, Elisabetta d'Ungheria, Cristina di Bolsena (o Orsola) e Lorenzo", che orna l'altare maggiore, riconducibile alla mano di Andrea della Robbia (1500 ca.). Nella parete sinistra si trova il gruppo ligneo policromato con la "Madonna, i Santi Saturnino ed Agata ed il paese di Radicofani" (1727), di scuola senese.

Volume di riferimento: L'Amiata e la Val d'Orcia


indietro