Pieve di San Giustino

La pieve, ricordata come tale all'inizio dell'XI secolo, ha il prospetto intonacato, e solo nell'abside semicircolare e all'interno mostra caratteri romanici. La chiesa, il cui aspetto attuale Ŕ frutto di un restauro degli anni Sessanta, si presenta a tre navate spartite da pilastri tranne che in corrispondenza dell'ultima campata, ove sono impiegate colonne con capitelli. L'estrema semplicitÓ della redazione architettonica trova riscontro anche nella decorazione dei capitelli, essenziale e semplice, ispirata a certe classicheggianti sculture, presenti nella pieve di Cascia, presso Reggello.

Volume di riferimento: Il Casentino e il Valdarno superiore


indietro