Casa natale di San Galgano

La tradizione vuole che qui nascesse nel 1148 San Galgano. Sul portale d'ingresso, ornato di due mensole scolpite, si trova il calco del bassorilievo raffigurante l' "Apparizione di San Michele a San Galgano". La casa, per secoli sede della Compagnia di San Galgano, subì una profonda trasformazione durante in età napoleonica, quando divenne un carcere. Nel 1901 il Comune restituì alla Compagnia la cappella che fu restaurata nel 1905 in stile neoromanico. Nell'angolo a destra è murato un masso in cui, secondo la leggenda, sarebbero rimaste le impronte delle ginocchia del cavallo di San Galgano piegatosi all'apparire di San Michele; la pietra fu trasferita nel 1958 dalla sua originaria ubicazione, lungo la strada tra Chiusdino e Ciciano.

Volume di riferimento: Le Crete senesi, la Val d'Arbia e la Val di Merse


indietro