Pieve di San Bartolomeo a San Rocco a Pilli

Di origine romanica, la pieve di San Bartolomeo a San Rocco a Pilli fu completamente rimaneggiata in senso neoclassico per l'intervento di Agostino Fantastici che la ristrutturò tra il 1820 e il 1824. Tracce dell'antica struttura medievale si notano all'esterno, sul lato sinistro della navata. Se nella facciata col parato a mattoni gli elementi di riferimento classico si alternano sobriamente, dal timpano del coronamento, all'arco a tutto sesto al centro sopra il portale, alle lesene degli spigoli; nell'interno i riferimenti al Rinascimento si fanno più marcati, nella volte a botte cassettonata, nell'altare in marmo col tabernacolo a tempietto e i due candelabri rigorosamente in stile impero.

Volume di riferimento: Le Crete senesi, la Val d'Arbia e la Val di Merse


indietro