Chiesa di San Genesio

L'impianto medievale, testimoniato dalla data 1217 incisa all'esterno, probabile anno di fondazione, stato quasi totalmente occultato da un intervento settecentesco, riscontrabile all'esterno dall'architrave del portale e dalla soprastante apertura sagomata, e all'interno dal bell'altare maggiore, datato 1722, in marmo, con due angeli a tutto tondo che sorreggono la mensa, e da quelli laterali, in marmo e gesso, coevi. Fra Otto e Novecento le pareti della chiesa, a una navata, sono state decorate a finto marmo, la volta con motivi architettonici e il catino absidale con la "Madonna che appare ai pastorelli di Fatima", del lucchese Michele Marcucci. Fra le opere, il tabernacolo per gli Olii Santi, assegnato all'ambito di Matteo Civitali.

Volume di riferimento: La Garfagnana, la Media Valle del Serchio e la Val di Lima