Chiesa dei Santi Jacopo, Cristoforo ed Eligio

Della struttura medievale del complesso ospedaliero rimangono il chiostro e alcuni ambienti del pellegrinaio, parte delle mura del castellare, la chiesa e la torre campanaria. Quest'ultima risulta progressivamente aperta da monofore e quadrifore; il suo aspetto attuale dovuto ai restauri eseguiti nel 1866 da Giuseppe Pardini. L'originaria chiesa romanica ha subito nel corso dell'Ottocento un radicale restauro, che l'ha trasformata nel transetto di un nuovo e pi ampio edificio, conservando tuttavia la facciata e la zona absidale. Il paramento murario ripartito in due zone, una inferiore, a conci regolari di pietra, e una superiore, a fasce bicrome in marmo bianco e nero, articolata in un doppio ordine di loggette cieche.

Volume di riferimento: La Piana lucchese e la Versilia


indietro