Chiesa della Santissima Annunziata dei Servi

Ricordata già nel 1061, fu assegnata ai Serviti dal 1254 e ricostruita alla fine del Trecento assumendo la struttura in laterizio a una sola navata con copertura a capriate, transetto e abside rettangolare. Nel Quattrocento le pareti vennero affrescate: restano poche tracce, quali la "Madonna" in controfacciata. Segno dell'importanza assunta sono le sepolture di importanti famiglie. Tra fine Quattrocento e inizi Cinquecento la chiesa instaura un rapporto privilegiato con la bottega del Civitali: numerose sono le opere di questo ambiente che restano ancora oggi; la più rilevante fu il gruppo costituito da "Angelo" (ora perduto) e "Annunciata" per il quale nel 1516 Nicolao Civitali costruì un altare, con un baldacchino con cupola embricata.

Volume di riferimento: Lucca


indietro