Santuario della Madonna del Bagno

La chiesa, dedicata alla Madonna che allatta, è ad unica navata con tre altari seicenteschi ed è così chiamata perché costruita in una zona dove si trovavano i bagni di acque sulfuree efficaci per la rogna e per le malattie degli occhi. Fu costruita nel 1576 su disegno di Luca Berrettini, e testimonia la devozione popolare verso la Vergine. In questo caso la Madonna è chiamata a patrocinare una fonte galattofora, alla quale ricorrevano le madri che non avevano latte sufficiente per i propri figli.

Volume di riferimento: Cortona e la Valdichiana aretina


indietro