Monastero di San Bartolomeo (Chiesa di Badia)

L'edificio venne realizzato dai monaci camaldolesi verso il Mille nei pressi del complesso che avrebbe in seguito ospitato il Palazzo Comunale, e quindi in un punto nevralgico del centro abitato. Di estremo interesse Ŕ la chiesa conventuale che mostra un singolare interno asimmetrico dovuto ai successivi rimaneggiamenti subiti dall'edificio. Tra le opere va segnalato un dossale in pietra scolpito verosimilmente da Desiderio da Settignano verso la metÓ del XV secolo; sull'altare maggiore, dietro una tela dipinta, Ŕ un "Crocifisso" ligneo anch'esso del XV secolo; nel piccolo coro si trova un ciborio quattrocentesco in pietra.

Volume di riferimento: Arezzo e la Valtiberina


indietro