Chiesa della Madonna del Presale

Documentata fin dal XII secolo, la chiesa fu originata da un insediamento castellare (oggi distrutto) collegato ad altri lungo il fiume Marecchia. L'edificio presenta un semplice impianto ad aula unica e tetto a capanna al quale si affianca, sul lato sinistro, un piccolo romitorio destinato un tempo ad accogliere pellegrini e viandanti. Addossato alla facciata un avancorpo a due arcate, elemento architettonico ricorrente nelle chiese di montagna di questa zona dell'Appennino. Sull'architrave della finestrella posta a destra sotto il portico sono scolpite interessanti figurazioni zoomorfe e antropomorfe altomedievali

Volume di riferimento: Arezzo e la Valtiberina


indietro