Santuario della Madonna dei Lumi

Il santuario mariano fu eretto tra il 1590 e il 1625 dall'architetto Pietro Cecini per onorare un'immagine della Madonna affrescata in un tabernacolo, che si diceva visitata ogni notte da luminose schiere di angeli. Nel 1612 l'immagine venne collocata sopra l'altare maggiore. Il tempio, con pianta a croce greca, si presenta elegante e slanciato. All'interno quattro grandi pilastri dorici, fiancheggiati da altri mezzi pilastri, sostengono una maestosa cupola affrescata da L. Ademollo (sec. XIX). Il modello architettonico a pianta centrale riprende la tipologia degli edifici religiosi tardocinquecenteschi voluti dal governo mediceo. All'interno, interessanti tele secentesche di F. Curradi ("Santi") e A. Ciampelli ("Madonna col Bambino e santi").

Volume di riferimento: Arezzo e la Valtiberina


indietro