Pieve di Sant'Agata

E' documentata dal 984. La facciata, con un profilo a capanna, nasconde la divisione interna in tre navate. Insolite le decorazioni esterne, la "scacchiera" sul lato sinistro, e la lunetta, in marmo verde con croce in alberese, sopra il portale di accesso, incorniciato da stipiti scanalati. All'interno, i pannelli che costituiscono il recinto del fonte battesimale provengono da un ambone del XII sec.; le sette specchiature superstiti, inquadrate da una cornice marmorea, sono finemente scolpite a palmette e decorate con intarsi in marmo verde di Prato e pietra calcarea bianca. Fra le opere, un "Crocifisso" ligneo riferito a Francesco di Simone Ferrucci, e una tavola di Bicci di Lorenzo con le "Nozze mistiche di Santa Caterina d'Alessandria".

Volume di riferimento: Il Mugello, la Val di Sieve e la Romagna Fiorentina


indietro