Chiesa del Buon Gesù

In origine dedicata a San Jacopo, fu chiamata "del Buon Gesù " dal 1509, quando vi si stabilì la Compagnia che portava questo nome, nata per onorare il SS. Sacramento nella Cattedrale e portarlo in processione agli infermi. Anomala è la facciata tardo cinquecentesca, simile a quella di un palazzo. All'interno, come in tutte le sedi di Compagnie e Confraternite, si trovano due ambienti: la chiesa in stile barocco con copertura a volta e tre altari decorati in stucco con pale seicentesche; e l'oratorio sulla sinistra, che conserva un bel dipinto raffigurante la "Pietà", attribuito a Chiara o ad Elisabetta Alberti.

Volume di riferimento: Arezzo e la Valtiberina


indietro