Oratorio di San Terenzio

La cappella di San Terenzo (conosciuta anche come San Terenziano) nasce e si sviluppa lungo un percorso viario che si collegava alla via Francigena. Come luogo di culto e di ospitalitÓ, nasce alle dipendenze della pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, ricordata per la prima volta nel 1149. Distrutta la pieve, essa fu soppiantata nella devozione popolare dalla piccola cappella. L'attuale assetto architettonico risulta dai progressivi ampliamenti della struttura originaria, di cui resta un lato di cortina muraria. All'interno la cappella - che Ŕ in particolare luogo di culto e di ritrovo degli emigranti, i cosiddetti "barsan" - Ŕ arricchita da un soffitto con cassettone ligneo, di un bell'altare con pala dipinta e da pregevoli pitture seicentesche.

Volume di riferimento: Massa, Carrara e la Lunigiana


indietro