Chiesa di San Niccolò

Secondo la tradizione sarebbe stata eretta nel VII sec. sui resti del tempio dedicato al dio Glauco. Ricostruita nel XII-XIII sec., presenta il rivestimento a filari di granito tipico del romanico elbano e una serie di lesene che vivacizzano le superfici, ma risulta unica per la sua pianta a due navate separate da tre archi impostati su colonne e concluse con due absidi dotate entrambe di altare. Si ritiene che siano andate perdute le prime due campate, spazio ora occupato da un atrio-cortile. Nel Quattrocento venne incorporata fra i due bastioni di una fortezza. All'interno le pareti conservano resti di affreschi del XV sec. Sull'altare maggiore la pala con "San Sebastiano e San Rocco" è stata ricondotta alla bottega del Sodoma.

Volume di riferimento: Livorno, la Val di Cornia e l'Arcipelago


indietro