Chiesa di San Giacomo Maggiore

La chiesa fu terminata intorno al 1656, secondo la data scritta sulla tela raffigurante "Santa Barbara" con la fortezza in mano. Nel Settecento la chiesa fu rinnovata e arricchita da decorazioni ispirate al barocco catalano, poi distrutte nel Novecento e sostituite dagli affreschi dell'elbano Allori. Un busto d'argento di "Santa Barbara", i dipinti con i "Santi Giuseppe e Simeone", oltre alle lapidi di generali spagnoli che comandarono la piazza di Longone, rimangono a testimonianza dell'assetto originario.

Volume di riferimento: Livorno, la Val di Cornia e l'Arcipelago


indietro