Eremo di Santa Caterina d'Alessandria

E' secolare luogo di meditazione e di preghiera risalente probabilmente ad epoca romanica, ma ampliato e rimaneggiato nel 1634. La semplice ed austera facciata Ŕ animata da un timpano spezzato e sormontata da un tozzo campanile; l'interno, ad una sola navata, con soffitto a capriate, conserva ex voto di marinai e sepolture ottocentesche. La sua origine sarebbe legata ad una serie di apparizioni della santa ad un ragazzo del luogo, in ricordo delle quali, tradizionalmente, ogni anno, il lunedý dopo Pasqua, si celebra una festa. Accanto al complesso, che oggi accoglie una fondazione culturale ed Ŕ occasionalmente sede di mostre, Ŕ stato realizzato l'Orto dei Semplici con una raccolta della flora locale.

Volume di riferimento: Livorno, la Val di Cornia e l'Arcipelago


indietro