Pieve di San Giusto

La chiesa, ricordata fin dal 923, di probabile origine altomedievale, uno dei pi interessanti edifici romanici della provincia di Livorno. Fu ricostruito nel 1189 dai maestri Barone Amico e Bono da Calci, come attesta l'epigrafe incisa sull'intonaco del transetto sinistro. La matrice pisana apprezzabile sia nel tipo di decorazione della chiesa sia nella scelta dell'impianto a navata unica con transetto. La facciata aperta da un bel portale fiancheggiato da due colonne, i cui capitelli sorreggono due leoni; l'architrave sormontato da un archivolto bicromo con ghiera decorata a girali. Nella parte superiore della facciata un occhio quadrilobato. All'interno, il fonte battesimale ottagonale, tardomedievale.

Volume di riferimento: Livorno, la Val di Cornia e l'Arcipelago


indietro